24
Gen
10

Fellini moralista? Come dimenticare Nine e vivere felici

Ho visto Nine, il film di Rob Marshall (Chicago, Memorie di una Geisha) tratto dal musical di Broadway dedicato a Fellini e in particolare ai suoi due capolavori: La dolce vita e 8½.

Purtroppo.

 Tanto Fellini era immaginifico, leggero, ironico e spietatamente onesto, così questo numero di avanspettacolo gronda di prevedibilità, di inutile drammaturgia, di osceni luoghi comuni sull’Italia (la prossima volta che per fare “italiano” usano una canzonetta napoletana che parla di sole e mandolini faccio una strage, lo giuro), di videoclip degni delle Spice Girls (il numero di Kate Hudson è pura MTV), e soprattutto di moralismo.

Tutto il film-musical viene fatto girare intorno al rapporto di Guido (un modesto Daniel Day-Lewis che incomprensibilmente qui si chiama Contini, mentre nell’originale Guido “Snaporaz” si chiama Anselmi) con la moglie (Marion Cotillard, l’unica del cast che reciti sul serio per almeno un paio di minuti), con tanto di condanna etica dell’adultero (il medico che dice: “questa è una faccenda sordida… voi gente di spettacolo credete di essere al di sopra di ogni morale!”), di tormentosi sensi di colpa, di amante troppo intelligente e volitiva (una Penelope Cruz completamente fuori parte), di virtù ritrovata (Guido si lascia sfuggire l’assatanata giornalista-Spice) e di tentativo di riconquistare la moglie nel finale. Con una Nicole Kidman (anch’essa totalmente fuori parte) che dovrebbe essere la Cardinale ma è troppo bionda, troppo alta, troppo australiana, troppo rifatta, troppo tutto. La storia dell’amore perduto e ritrovato si mangia ogni cosa, perfino l’incoerenza delle immagini, l’astronave, il circo… Per non parlare dell’ardita metafora finale del fanciullo seduto sulle ginocchia del regista che ritrova se stesso, la sua infanzia, la madre (una Sophia Loren che fa il videoclip di se stessa) e financo l’arte. Disgustoso.

Se è la ricerca di un’onestà radicale ma innocente, la confessione dei propri limiti umani e professionali senza sconti ma anche senza morale, senza redenzione, senza prosopopea, Nine è il suo contrario, è la trasformazione di Fellini in un esistenzialista e un neorealista (un neorealista??? Nessuno più di Fellini ha ucciso il neorealismo!), è la vendetta dei benpensanti, è la condanna protestante della dolce vita. Un tributo da far rivoltare le anime del Purgatorio.

è un esercizio di écriture de soi, un film che si può fare una volta sola, un momento di verità che Fellini stesso perse definitivamente nell’istante successivo ad averlo finito. Ora, ci sono le attenuanti: Nine è solo un tributo all’immagine del Maestro e della sua Italia, per come la hanno vista e fraintesa a Broadway. Va bene. Ma è come andare a vedere Hamlet sulla 48a strada: non bisogna poi stupirsi se il pubblico ride durante la carneficina finale (è successo, credetemi, l’ho visto con questi occhi; vi basti sapere che Amleto era Jude Law… e non era nemmeno il peggiore degli attori in scena!).

Insomma, hanno fatto un drammone romantico e patinato con dentro un paio di sfilate di moda intima. E poi ci hanno appiccicato il maschio latino e una Saraghina che pesa due terzi in meno dell’originale. E non basta un’Alfa Romeo Spider per ricreare la Roma del 1965.

E poi: che fine ha fatto Carini?

 Il critico intellettuale che infastidiva Guido-Mastroianni con le sue osservazioni pedanti, la sua saccenteria, i suoi sofismi da moralista… ecco, ora ho capito: Carini era il parafulmine del moralismo, era ciò contro cui il Fellini immoralista concentrava la sua ironia più perfida, il suo non allinearsi alle mode, la sua onestà intellettuale. (Capolavoro assoluto la scena in cui lo impiccano, durante la visione dei provini)

In un film così non ci sta. Questo Fellini-Contini non ha alcun rapporto con la cultura (ironia dei nomi: uno dei più grandi storici della letteratura italiana si chiamava Contini, Gianfranco per la precisione), è solo un uomo infedele e un pessimo regista. Il critico Carini nell’originale è in scena all’inizio e alla fine del film, oltre che in tutti i passaggi cruciali; è con lui a fianco in macchina che Guido trova una sintesi provvisoria, un momentaneo riconoscimento di sé. Il Guido di Nine non impiccherebbe mai Carini, piuttosto si metterebbe lì a farsi fustigare con una copia di Vogue.

Fellini ha le sue responsabilità. E gli italiani anche. Ma vogliamo davvero rassegnarci a permettere che ci vedano sempre così?

Annunci

3 Responses to “Fellini moralista? Come dimenticare Nine e vivere felici”


  1. 1 Paolo
    25/01/2010 alle 12:19

    Effettivamente questa scelta manifesta un certo autolesionismo, dovresti interrogarti sulla sua origine 😉 A meno che tu abbia smania di uscire da casa e abbia già visto ‘L’uomo che verrà’ che mi sembra decisamemte il film del momento. Ed anche ‘Up in the air’ (non ricordo il tit in italiano), che non può essere un film tanto brutto venendo da Jason Reitman che ha fatto così bene con ‘Juno’. Ed anche ‘Welcome’ e ‘Il mio amico Eric’, un piccolo miracolo di equilibrio tra impegno e leggerezza, come riesce a Loach, a volte, e pochissimi altri. Ed anche ‘Moon’ obbligatorio per filosofi, almeno per chi ha amato ‘Matrix’ e ‘Solaris’, per dire. Insomma…

  2. 25/01/2010 alle 21:15

    OK ok carissimo Paolo, sei una fonte inesauribile di proposte cinematografiche, grazie: non dico che li vedrò tutti ma un po’ ci provo (la vera cinefila ed esperta in famiglia è mia moglie Monica, che infatti ha un blog di cimema: http://www.mysunsetboulevard.wordpress.com). L’origine della decisione di vedere Nine, per la cronaca, è … il caso: la sala del film che volevamo vedere (ma non svelerò mai quale fosse!) era piena (ok, con questo dato avete capito tutti) e il primo spettacolo in programmazione a quell’ora era, appunto, Nine… Non che ci aspettassimo un capolavoro, ma avendo visto Chicago poteva non essere del tutto male. E invece …

    • 26/01/2010 alle 10:31

      …eppoi, chissà, Nine avrebbe anche potuto essere bello. Tutte le recensioni sottolineavano come fosse un “tributo” a Fellini e a 8 1/2 e non un rifacimento di quest’ultimo. Un tributo in musical, perché no, poteva funzionare… (Si pensi alla bellezza e genialità di Moulin Rouge!, di Across the Universe, di I’m not there) E per chi ama non tanto Fellini, quanto 8 1/2 (un capolavoro per una tale quantità di ragioni che richiederebbe pagine e pagine di trattazione) era una appuntamento irrinunciabile.
      Purtroppo non ha funzionato. Nine è un “tributo” nella maniera peggiore in cui poteva esserlo, ripercorrendo la trama dell’originale e quindi prestandosi a tutti quei confronti dai quali voleva salvarsi. Sciocco. Con tutte le possibilità di citazione e di originalità offerte da un musical. Quale spreco di energa (e di cast!). Forse 8 1/2 è troppo complesso per Broadway (credo che il problema il musical in sè, prima ancora della trasposizione hollywoodiana).

      Grazie a Paolo per i consigli, vedremo sicuramente Moon (chi si perde il film, già considerato un piccolo gioiello, di Zowie Bowie?!) e Tra le nuvole, se si riesce anche gli altri. Dell’ennesimo film sul nazismo però non so se ho voglia. Insomma, gli americani hanno quasi smesso di parlare del Vietnam e ora pensano all’Afghanistan. Noi invece siamo ancora fermi al 1943, tentando di passare per le povere vittime e di far dimenticare che 1.il fascismo l’abbiamo inventato noi e che 2. siamo diventati anti-fascisti/nazisti solo dopo esserci arresi agli americani e sperando di sedere con i vincitori. La storia la sappiamo e sarebbe ora di smettere di “raccontarcela” un po’ come vogliamo…
      Monica, la moglie cinefila


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 8 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: